Comunicazione
Dopo la chiusura del nostro ex gestore download, alcune guide sono sprovviste di download programma. Alcuni download vengono forniti su richiesta.

ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo a scopi didattici e illustrativi, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software o hardware.
ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da personale esperto e qualificato nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.

Pubblicità



Valutazione discussione:
  • 1 voti - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Come distribuire correttamente i flussi d’aria nel case?
07-10-2010, 10:02 PM, (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-08-2016, 09:43 AM {2} da Anco1993.)
#1
Come distribuire correttamente i flussi d’aria nel case?
Che i computer scaldino non è una novità. Eppure, anche questo “poco” calore diventa un problema per componenti elettronici ad alta miniaturizzazione. Per intenderci, è facile tenere fresco un processore piazzandoci sopra un dissipatore grande quanto una scatola da scarpe. Ma il tutto deve trovare posto nello chassis di un PC, che ha dimensioni standard e deve contenere diversi altri componenti. Progettare il sistema di raffreddamento, insomma, è un compito in cui bisogna tenere conto di esigenze contrastanti senza mai perdere di vista l’obiettivo principale: far sì che si riesca a smaltire una quantità di calore sufficiente a mantenere il bilanciamento termico della macchina in pari e soprattutto con tutte le componenti vitali al di sotto della soglia critica di temperatura.
Per mantenere la corretta temperatura all’interno dello chassis il computer dispone di numerose aperture di areazione e di ventole posizionate in modo strategico. Non basta infatti piazzare questi dispositivi “a casaccio”: si corre il rischio di creare blocchi invece che far fluire l’aria. Nel disegno potete vedere il flusso d’aria tipico all’interno di un PC a torre. L’aria fredda è rappresentata dalle parti in blu, quella calda dalla parti in rosso.

[Immagine: 1.jpg]

1. Quando si opera con CPU ad alta dissipazione, o magari c’è nello chassis anche una scheda grafica molto potente, può essere necessaria una via di sfogo supplementare. Alcuni chassis dispongono di un ulteriore foro sulla parte superiore, e quindi una parte dell’aria può quindi essere incanalata verso quella via d’uscita. Molto spesso, anche qui viene sistemata una ventola che accelera il flusso in uscita.

2. La presa d’aria principale del PC è di solito posizionata sul lato anteriore della macchina, in basso. Questo perché i progettisti cercano di sfruttare “l’effetto camino”, per cui l’aria tende a salire mano a mano che viene scaldata. Negli chassis più sofisticati, o destinati a impieghi gravosi, alla presa d’aria è applicata una ventola di grande diametro, che permette di spingere all’interno molta aria mantenendo un basso numero di giri e quindi una bassa rumorosità.

3. L’aria fredda che entra dalla presa anteriore attraversa per prima cosa la zona degli hard disk, discreti produttori di calore e fra le parti più importanti da tenere fredde: se si guasta per surriscaldamento una CPU, basta sostituirla, ma se si guasta un disco, tutti i dati in esso contenuti vanno persi: e spesso il loro valore supera di molte volte quello dell’intero computer.

4. Nella parte centrale della macchina, dove il flusso d’aria fresca della feritoia anteriore arriva già indebolito, si trovano i due maggiori produttori di calore: la CPU e la scheda grafica. Sulla CPU è sempre montato un sistema di dissipazione dedicato, composto da una ventola molto potente e dal relativo radiatore passivo. La grande quantità d’aria mossa da questa ventola trova sfogo in una o due feritoie di uscita.

5. Proseguendo il suo movimento, il flusso d’aria principale attraversa la parte della scheda madre dove sono sistemate le schede di espansione. Di solito si tratta di una zona che non ha grossi problemi di calore, in quanto la maggior parte delle schede presenta bassi consumi e di conseguenza bassa dissipazione. Unica eccezione è costituita dalla scheda grafica, spesso dotata di ventole dedicate.

6. La principale feritoia di uscita del flusso d’aria anteriore si trova sul lato posteriore dello chassis, in corrispondenza della zona degli slot. Dato che questa feritoia si trova in basso e vicina a una serie di connettori, conviene verificare che non ci siano oggetti o cavi che la ostacolano, riducendo il flusso d’aria.

7. La feritoia principale per l’aria proveniente dalla CPU si trova nella parte centrale superiore del lato posteriore dello chassis. Essa è quasi sempre dotata di una ventola da 10 o 12 centimetri, che provvede a estrarre a forza l’aria. Solo con CPU particolarmente “fredde” è possibile lasciare la feritoia in condizioni di flusso non forzato.



COSA SCALDA NEL PC ?

[Immagine: 2.jpg]

I nostri PC sono formidabili produttori di calore. Non che la cosa sia voluta: si tratta essenzialmente del sottoprodotto dell’utilizzo di energia da parte dei componenti elettronici e meccanici. Ma quali sono le parti che scaldano di più? Abbiamo messo a nudo la componentistica, ed ecco il risultato.

[Immagine: 3.jpg]
Il processore. In una configurazione standard è in assoluto il componente che consuma, e quindi scalda, di più all’interno del computer. Alcuni modelli multicore con elevata frequenza di clock possono dissipare tanto calore quanto una lampadina accesa. Perché l’eccessiva temperatura non lo mandi in blocco, o peggio lo faccia fondere, il processore va raffreddato con un sistema dedicato di ventola + dissipatore.

[Immagine: 4.jpg]
RAM. I moduli di memoria, storicamente freddi, stanno producendo sempre più calore. Il motivo è duplice: aumento della capacità a parità di spazio, ma soprattutto aumento della velocità di accesso ai moduli. Il surriscaldamento può provocare errori di lettura e, nei casi più gravi, il danneggiamento del DIMM. Per questo sui modelli più capaci e veloci vengono montati piccoli radiatori passivi supplementari, che asportano più rapidamente il calore dai singoli chip della memoria.

[Immagine: 5.jpg]
Alimentatore. Ebbene sì, anche gli alimentatori producono calore. La conversione di una corrente alternata a 220 V in una serie di tensioni continue a basso voltaggio ha infatti delle inefficienze, che si traducono in calore. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi l’alimentatore è posizionato sul bordo dello chassis e dispone di una ventola che estrae aria dall’interno, quindi il calore prodotto si disperde immediatamente all’esterno del PC.

[Immagine: 6.jpg]
Disco fisso. Si tratta di un dispositivo elettromeccanico, e il calore che genera è dovuto soprattutto al motore. I più “caldi” sono i dischi caratterizzati da alte velocità di rotazione: 7.200, ma soprattutto 10.000 e 15.000 giri. Visto che la rottura di un disco per surriscaldamento provoca la perdita di dati a volte preziosissimi, è meglio assicurarsi che le unità siano ben areate e magari conviene piazzare un sensore di temperatura sullo “spindle”, ovvero sul perno dell’albero motore.

[Immagine: 7.jpg]
La scheda madre. E' popolata per la maggior parte da componenti elettronici a basso consumo, e quindi “freddi”. Ma ci sono alcune (anche notevoli) eccezioni.

[Immagine: 8.jpg]
Scheda Grafica. La scheda che permette al computer di pilotare il display ha a bordo il secondo maggior produttore di calore della macchina: si tratta della GPU, ovvero di un vero e proprio processore dedicato alla grafica, che spesso supera per potenza di calcolo la CPU principale del computer. Anche questa unità viene quindi raffreddata con un gruppo ventola + radiatore passivo, che è montato direttamente sulla scheda stessa.

[Immagine: 9.jpg]
Chipset. Nelle vicinanze del processore è posizionato il chipset, ovvero un gruppo di due circuiti che contengono tutta la logica che consente al processore di dialogare con le periferiche. Alcuni chipset producono una moderata quantità di calore, e quindi vengono raffreddati tramite un dissipatore passivo.




Fonte: chicchedicala
ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da gente esperta nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.
ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo ad avere fini didattici, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software!.
ATTENZIONE: e' severamente vietato copiare in modo totale o parziale le guide etc, presenti nel sito!.

[Immagine: r0yz3p.jpg]
08-10-2010, 07:14 PM,
#2
RE: Come distribuire correttamente i flussi d’aria nel case?
interessante...
ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da gente esperta nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.
ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo ad avere fini didattici, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software!.
ATTENZIONE: e' severamente vietato copiare in modo totale o parziale le guide etc, presenti nel sito!.

[Immagine: r0yz3p.jpg]



Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)
Pubblicità