Comunicazione
Dopo la chiusura del nostro ex gestore download, alcune guide sono sprovviste di download programma. Alcuni download vengono forniti su richiesta.

ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo a scopi didattici e illustrativi, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software o hardware.
ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da personale esperto e qualificato nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.

Pubblicità



Valutazione discussione:
  • 1 voti - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Come risolvere i problemi di codec mancanti con Gspot
23-09-2010, 07:20 AM, (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 03-08-2016, 12:07 PM {2} da Anco1993.)
#1
Come risolvere i problemi di codec mancanti con Gspot
Capita spesso, soprattutto navigando in Internet, di imbattersi in file video di cui non è immediatamente chiaro il codec necessario per riprodurli. A volte, i file sono stati creati in modo imperfetto e quindi anche il classico Media Player di Windows non solo non riesce a riprodurli, ma non riesce nemmeno a capire quale sia il codec da scaricare per poter riprodurre correttamente il file. Vi presentiamo il programma gratuito Gspot, capace di analizzare a fondo il file, rivelare i dettagli della codifica, e se necessario anche di provare l’effettiva rispondenza dei dati con ciò che i file dichiara di essere.

1). [Immagine: 1.jpg]
Gspot non ha bisogno di essere installato: una volta scaricato, basta semplicemente assicurarsi che non sia in formato compresso (ZIP per esempio); se lo è, va scompattato in modo da creare una cartella il cui nome è Gspot seguito da un numero, che indica la versione. Al momento, la più recente è la 270a. Gspot inoltre aggiorna periodicamente il suo elenco di codec.

2). [Immagine: 2.jpg]
Per verificare quale codec è stato usato per un determinato video, basta lanciare Gspot e caricare il file da controllare nel campo in alto a sinistra. Gspot automaticamente analizzerà il file e darà il suo responso. Il nome del codec video, in particolare, appare in alto a destra, nella sezione video. In questo caso è XviD. La casella status indica che il codec non è installato nella macchina.

3). [Immagine: 3.jpg]
Appurato quale codec serve, è possibile cercarlo su Internet e installarlo. È anche possibile installare direttamente un “codec pack”, ovvero un gruppo di codec e utilità già ottimizzato in modo da evitare sovrapposizioni spesso fonte di problemi. In questo caso abbiamo scelto di installare i Windows Media Codec Pack, una libreria molto completa. In alternativa se preferite installare il singolo codec basta portarsi al seguente indirizzo e procedere col download.

4). [Immagine: 4.jpg]
Ecco come cambia Gspot dopo l’installazione dei codec. La riga di status avverte che il codec necessario è installato, e per sicurezza si può procedere con un test: facendo clic sulle casella “Vid” numero 1 e poi 2, sotto l’etichetta “Proposed Codec Solutions and Test”, Gspot proverà il funzionamento del codec, e premendo 3 apparirà poco sopra una finestra di anteprima. Se tutto funziona, potete finalmente godervi il film.


SITO UFFICIALE

DOWNLOAD PROGRAMMA


Fonte: chicchedicala
ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da gente esperta nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.
ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo ad avere fini didattici, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software!.
ATTENZIONE: e' severamente vietato copiare in modo totale o parziale le guide etc, presenti nel sito!.

[Immagine: r0yz3p.jpg]


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)
Pubblicità