Comunicazione
Dopo la chiusura del nostro ex gestore download, alcune guide sono sprovviste di download programma. Alcuni download vengono forniti su richiesta.

ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo a scopi didattici e illustrativi, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software o hardware.
ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da personale esperto e qualificato nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.

Pubblicità



Valutazione discussione:
  • 1 voti - 5 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Installare e configurare una rete Ethernet
02-08-2010, 06:05 PM, (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 02-08-2016, 05:32 PM {2} da Anco1993.)
#1
Installare e configurare una rete Ethernet
Creare una rete
Se si dispone di due o più computer, si può avere la necessità di condividere dati e/o periferiche. Esistono vari modi per effettuare un collegamento fra PC.
Il cavo null-modem

Il cavo LapLink o parallelo

La rete locale.
Ponendo a 1 la velocità del collegamento null-modem, la velocita del Lap Link risulta essere di 5 e quella della rete locale di 10 volte.
Quando si parla di creare una rete non bisogna per forza immaginare tanti cavi che collegano fra loro tanti computer. Anche il collegamento tra due soli computer, magari con un cavo volante, è una rete locale.
Esistono decine di tipi di rete locale, oggi si utilizza quasi esclusivamente la tecnica chiamata Ethernet.
Per connettere due PC in rete, sono indispensabili due schede di rete da installare rispettivamente sui due PC. In commercio esiste un vasto assortimento con prezzi più o meno accessibili.
Le schede di rete possono avere tre tipi di connettori: quello per cavo coassiale (BNC), quello per jack modulare che assomiglia alla presa telefonica (RJ45).
Una scheda che contiene più di un connettore si chiama "scheda combi", ma salvo casi rari si può usare un solo connettore per volta. Usando un connettore, gli altri disponibili vengono automaticamente disabilitati.
I segnali elettrici sul connettore coassiale BNC seguono la norma chiamata 10Base-2, mentre quelli sul connettore modulare RJ45 seguono la norma 10 base/T oppure la norma 100Base/TX.
Le due prese di gran lunga più comuni sono RJ45 e BNC, non sono compatibili fra loro sia meccanicamente che elettricamente. Quando si progetta una rete è buona norma scegliere il tipo di connettore da usare ed evitare di utilizzare entrambi.

Rete locale con connettori BNC
Se si decide di optare per il connettore BNC, il collegamento dei PC tra di loro è del tipo a catena, dove ognuno è collegato direttamente al precedente e al successivo con dei cavi coassiali.

Questo è possibile grazie all'inserimento di un connettore a T sulla presa coassiale della scheda di rete. Anche sul primo e sull'ultimo computer della catena si deve innestare un connettore di presa, ciascun connettore libero andrà chiuso con un tappo terminatore da 50 ohm, che è una speciale resistenza a forma di connettore BNC.

In pratica, il cavo coassiale non si innesta mai direttamente sulla scheda di rete ma sempre su di un connettore. Per aggiungere un nuovo computer alla rete bisogna staccare un cavo qualsiasi dalle postazioni preesistenti e spostarlo su uno dei due connettori dello connettore del nuovo PC; poi si stende un nuovo cavo coassiale, per collegare il nuovo PC con quello a cui è stato staccato precedentemente il connettore BNC. Il tipo di cavo per effettuare i collegamenti è di tipo coassiale, simile a quello usato per la TV con la differenza che l'impedenza è di 50ohm e non 75. In termini elettronici il cavo viene identificato con la sigla RG58.

Rete Locale con connettori RJ45

Se si decide di collegare i PC con il connettore RJ45, bisogna adottare una tipologia a stella. Il centro della stella è costituito da un Hub. Quest'ultimo è una "scatolina" con tante perse RJ45 (di solito 4, 8 oppure 16 ecc) ciascuna delle quali va collegata ad un computer.

Le prese inutilizzate possono essere lasciate libere, senza collegamenti. Di solito una spia accanto a ogni presa indica i collegamenti attivi e quelli spenti, quindi si può capire all'istante se qualche osa non va bene. Il collegamento tra PC e Hub va effettuato con un cavo chiamato "cavo UTP categoria 5". Sulla guaina è riportata la sigla "UTP CAT.5", contiene 8 piccoli fili attorcigliati a coppie. Bisogna fare attenzione ad non usare cavo di categoria inferiore perché si possono avere problemi di incompatibilità. Per montare i connettore ai capi del cavo bisogna adoperare delle speciali pinze e fare attenzione alla disposizione dei colori degli otto filetti. Lo standard da adoperare è l'EIA/TIA 568B.

Ethernet usa solo 4 degli 8 conduttori del cavo UTP 5, cioè una coppia di fili per la trasmissione dei segnali e una per la ricezione. I fili non usati sono stati previsti per altri standard di collegamento, ormai in disuso, come IBM Token Ring. Per la piedinatura bisogna prestare attenzione ad un particolare importante, secondo la norma EIA/TIA 568B, la numerazione dei contatti della presa non corrisponde a quella dei contatti del connettore. La disposizione dei contatti nella presa RJ45 è la seguente:

Per realizzare un Patch Chord passante bisogna collegare due connettori RJ45 agli estremi del filo secondo la pedinatura riportata nella tabella appena vista. Molto importante è la lunghezza massima del cavo UTP 5 che non deve mai superare i 100m pena disturbi e deterioramento del segnale.

Realizzare una piccola rete tra due PC

Se si vogliono collegare soltanto due PC si può realizzare un cavo sempre con i connettori RJ45, di tipo incrociato. Le specifiche vengono riportate nella tabella e nello schema sottostante.

Come configurare la Rete

Occorre preparare il computer a dialogare con gli altri connessi alla rete. Le seguenti operazioni vanno fatte su tutti i PC collegati. Da "Pannello di Controllo" selezionare l'icona "Rete" e aggiungere il protocollo "NetBEUI" come mostrato in figura.

E dopo dal pulsante "Condivisione di file e stampanti" selezionare le due opzioni. Alla fine confermate tutto e riavviate il computer.

Adesso non rimane che attivare la condivisione dei dischi presenti sui PC per renderli disponibili agli altri computer collegati con noi. Dalla voce "Proprietà" del disco "C" (ad esempio) attiviamo la condivisione e proteggiamola da password, cosi eviteremo intrusioni spiacevoli se ci colleghiamo ad Internet.

ATTENZIONE: ogni spiegazione data e' correttamente testata ed eseguita da gente esperta nell' informatica, quindi non ci assumiamo nessuna responsabilità in una mancata esecuzione della guida!.
ATTENZIONE: alcune guide sono fornite solo ad avere fini didattici, quindi applicandole potreste vìolare la licenza d’uso del software!.
ATTENZIONE: e' severamente vietato copiare in modo totale o parziale le guide etc, presenti nel sito!.

[Immagine: r0yz3p.jpg]


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)
Pubblicità